17/04/14

Danubio salato Speck e Montasio

Quello che vi presento oggi è la versione salata di un classico dolce lievitato, realizzato con marmellata e basta brioche. Personalmente adoro questa preparazione, perchè sembra estremamente complessa e raffinata ed invece è molto semplice e veloce da preparare e davvero impossibile da sbagliare. Dato che siamo vicini a Pasqua, vi consiglio in particolare il danubio salato per la tradizionale gita fuori porta del lunedì: potrete realizzarlo velocemente e sarà perfetto da mettere nello zaino!
Il danubio salato può essere preparato con moltissimi ingredienti, normalmente si usano un salume ed un formaggio ma potete sfruttare praticamente tutto quello che avete in frigo a patto di non scegliere gusti troppo delicati. Io ho voluto realizzarlo con prodotti di primissima qualità: lo Speck Alto Adige IGP ed il formaggio Montasio tipico del mio Veneto.


Ingredienti:

- 550 gr di farina (io tipo 0)
- 230 + 50 ml di latte tiepido
- 50 ml di olio di oliva
- 30 gr di zucchero
- 2 uova
- 100 gr di formaggio Montasio
- lievito di birra (una bustina se secco, un panetto se fresco)
- un cucchiaino di timo 
- una presina di sale


Procedimento:

In una ciotola mettete 230 ml di latte tiepido e tutto lo zucchero. Unitevi il lievito di birra, sbriciolandolo nel caso abbiate scelto quello fresco. Lasciate a riposare qualche istante, mentre pesate gli altri ingredienti.

Aggiungete quindi la farina già mescolata con il sale, dopo averla setacciata. Evitare di aggiungere il sale direttamente al lievito è importante, rischiereste di perdere tutta la sua forza lievitante uccidendolo letteralmente. Mescolate aiutandovi con un cucchiaio di legno.

A parte sbattete un uovo ed aggiungete anche questo al composto, assieme all'olio. A questo punto è inutile continuare con il cucchiaio, lavorate la pasta direttamente con le mani nella terrina o, meglio, su un piano di lavoro. Non aggiungete troppa farina all'impasto mentre lo lavorate, lasciate semplicemente che si scaldi e diventi omogeneo lavorandolo velocemente e con forza.

Mentre lavorate l'impasto aggiungetevi anche il timo, sia esso fresco o secco. Dopo qualche minuto avrete ottenuto una palla morbida ed omogenea. Mettetela in una ciotola, copritela con una pellicola bucherellata con uno stecchino in un paio di punti e lasciate a riposare  per un paio d'ore. Vi consiglio di metterla nel forno spento con la luce accesa, o comunque in un posto caldo e non troppo secco, al riparo dalle correnti d'aria. 

Nell'intanto, considerando che la pasta non la dovrete più guardare, tagliate lo speck ed in formaggio a dadini. Trascorso il tempo previsto la pasta avrà raddoppiato il suo volume: toglietela dalla ciotola e dividetela in una trentina di parti.

E' bene in questa fase non maneggiare la pasta più del dovuto, quindi vi consiglio di procedere così: dividete l'impasto in tre parti uguali, quindi ogni parte in due spicchi più piccoli, ed ancora ogni spicchio in cinque pezzi della stessa dimensione. Procedete nello stesso modo con il ripieno.

A questo punto da ogni pezzetto di impasto ricavate un dischetto di pasta, mettetevi al centro il ripieno e chiudete dando nuovamente la forma tonda al tutto. Procedete così per una trentina di volte.

Foderate di carta forno una tortiera ed inseritevi le palline con la chiusura verso il basso. Fatevele stare tutte, non importa se saranno piuttosto vicine. A questo punto lasciate nuovamente lievitare, nello stesso punto di prima e sempre coprendo con della pellicola, per una mezz'ora.

Trascorso il tempo previsto, sbattete l'uovo rimasto con il latte tenuto da parte, e bagnate uniformemente il danubio. Cuocetelo in forno già caldo a 180°C per 30 minuti, e lasciate intiepidire prima di sformare.

Servite freddo o tiepido, già porzionato come piatto unico o in un'unica torta a disposizione dei commensali magari per un aperitivo.


.Consigli:

Per far aderire meglio la carta forno alla tortiera, evitando che la forma del danubio si rovini durante la lievitazione, imburrate la tortiera e bagnate sotto un getto d'acqua la carta forno. Strizzatela quindi delicatamente e disponetela, dopo averla riaperta, nella tortiera. E' un vecchio trucco, ma funziona sempre!

Se non siete pratici di lievito, vi ricordo che dovete fare molta attenzione all'uso di saponi, detersivi e candeggina. Sulle vostre mani e sugli attrezzi da lavoro non deve essercene una minima traccia (di candeggina in particolar modo) perchè danneggiano il lievito.

Se, durante la lievitazione, il vostro danubio sembra seccarsi in superficie è perchè avete scelto un posto troppo poco umido. Schizzate con le dita bagnate poche gocce d'acqua sulla pasta e chiudete nuovamente con la pellicola, la situazione si sistemerà.

Il danubio salato si conserva molto bene, potete quindi prepararlo con buon anticipo. 

Infine, per darvi un'idea dei tempi, ho preparato il tutto in circa 30 minuti. 20 sono andati per la preparazione della pasta e del ripieno, nonchè per pulire poi quanto avevo utilizzato. Ne sono bastati invece 10 per formare le palline e spennellarle prima della cottura. Non si direbbe visto il bel risultato, eh?





4 commenti:

  1. pensa che io ho conosciuto il danubio in una sua versione salata,tipica napoletana!e' davvero davvero buono!
    se ti va di seguirmi ancora,mi trovi su wordpress,perche' purtroppo il blog qui su blogger e' aperto ma mi e' stato rubato,percio' non aprirlo piu'1un saluto,Carla
    www.merendaallacarlona.wordpress.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti è stato rubato?? Ma fai davvero? Dovrai dirmi come, mette paura sta cosa! Comunque mi ci tolgo subito, e ti raggiungo su wordpress!!

      Elimina
  2. Delizioso il tuo blog con tutte queste ricette gustose! Segno, grazie... Auguri di una serena Pasqua!
    Bacioni, Carla

    RispondiElimina
  3. ottimo il danubio...in ogni modo!!! io, comunque , preferisco il salato e questa tua preparazione è magistrale!!!!

    RispondiElimina

Lasciatemi una traccia del vostro passaggio sotto la ricetta!
Spam, truffe o insulti saranno eliminati, per la tranquillità di tutti. Grazie.

Condividi su:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...