14/12/15

Challah - il pane ebraico del sabato

Da qualche tempo a questa parte, soprattutto se si ascoltano i telegiornali o si leggono i quotidiani, sembra che le tradizioni e le culture dei vari popoli della Terra siano atte più a dividere e contrapporre, che ad unire. Si sta perdendo quella curiosità spontanea e positiva verso gli altri, quel voler capire anche gli usi altrui senza per questo scordare i propri. Si sente parlare ad esempio di "cancellare il Natale" o almeno di limitarlo, per non turbare gli animi altrui (?), o ancora di esaltarlo per far valere le proprie origini a scapito degli altri (?!). 
Sono discorsi, a mio parere, senza senso. Che si parli di religione o di usi e costumi laici, credo sia fondamentale saper mantenere le proprie radici senza chiudersi agli altri, o volersi imporre su di essi, ma piuttosto facendo come i bambini: imparare, curiosi, per poi fare ciò che riteniamo più giusto. Ma imparare, intanto, e tenere la mente ben aperta. E' anche per questo che ho voluto curiosare una volta in più, nel piccolo ambito della cucina che attiene a questo blog, nelle tradizioni altrui. 
 

La Challah è il tipico pane bianco che apre il pasto dello Shabbat, la festa del sabato delle comunità ebraiche. La sua origine si rifà ai testi sacri: “Parla ai figli d’Israele. Dirai loro: Quando voi sarete entrati nel paese, dove io sto conducendovi e mangerete del pane del paese, ne sottrarrete un’offerta al Signore” (Num. 15, 18-19). Nell'antichità dall'impasto se ne prelevava una parte, per offrirla al sacerdote. In tempi più recenti, l'uso è di bruciarne un pezzetto in forno col medesimo significato di offerta.
Questo pane è leggermente dolce, ma perfetto in accompagnamento anche di piatti salati, splendido a vedersi e per nulla difficile da realizzare. Ha una crosta molto profumata e lucida, un intenso profumo di buono ed è incredibilmente soffice.




Ingredienti per una treccia da circa 45 cm:

- 500 gr di farina di manitoba
- 205 mL di acqua tiepida
- 60 mL di olio di oliva
- 55 gr di zucchero 
 - 3/4 di un panetto di lievito di birra fresco
- 7 gr di sale fino
- 1 cucchiaio di semi di papavero
- 3 uova  


Procedimento:

In una ciotola molto capiente sciogliere il lievito con tutta l'acqua tiepida e 5 gr di zucchero. Vi prego di non arrotondare l'acqua a 200 mL, sono leggermente troppo pochi per la quantità di farina indicata. Quei 5 mL in più, fanno davvero la differenza.

Dopo circa 5 minuti inizierete a vedere sul pelo dell'acqua delle bollicine. E' il segnale che il lievito si è attivato, ed è bene proseguire. Aggiungete olio e 2 uova intere all'impasto, nonchè il resto dello zucchero. Con una forchetta, emulsionate bene gli ingredienti. Mescolate sale e farina assieme, quindi incorporateli gradualmente nell'impasto.

Vi consiglio di usare una planetaria a questo punto, perchè l'impasto sarà davvero troppo molle per lavorarlo a mano. Se non avete una planetaria, vanno benissimo le fruste per impasti (quelle "a elica") dello sbattitore elettico. Lavorate l'impasto per almeno 15 minuti, a velocità da massima a sostenuta, così che la maglia glutinica si possa formare.

Trascorso questo tempo rimuovete l'impasto dalla ciotola, pulite quest'ultima ed ungetela con un filo d'olio. Non infarinatela, ma depositatevi nuovamente l'impasto. Coprite con della pellicola, praticate un paio di fori con uno stuzzicadenti e lasciate a lievitare per un'ora. 

Per la lievitazione consiglio come sempre un luogo tiepido e privo di correnti d'aria. Un forno acceso al minimo per qualche istante e poi spento, ad esempio, un termosifone (la ciotola andrà distanziata con un supporto, come un libro) o il ripiano appena tiepido di una stufa a pellet.


Passata l'ora, l'impasto avrà più che raddoppiato di volume. Il mio ha riempito una ciotola da 2 litri, quindi trovatene una di decisamente grande. Lavorate appena l'impasto con la punta delle dita, e formate tre sfere uguali. Lasciate quindi un'altra mezzora a lievitare. 

Dopo questo tempo, dividete le tre sfere (che si saranno parecchio fuse tra loro, ma è corretto così). Formatene dei salsicciotti con molta delicatezza, senza schiacciare violentemente o strappare l'impasto, e intrecciatele. Nel formare i salsicciotti potete aiutavi appena con un piano leggermente infarinato, ma davvero il meno possibile. Non è comunque una operazione difficile, quando avrete la pasta sotto mano sarà più semplice gestirla di quel che pare leggendo la ricetta. 

Sbattete l'ultimo uovo rimasto e spennellate la treccia. Lasciate un'altra ora a lievitare, sulla teglia che poi andrete ad infornare (consiglio l'uso di carta forno). Appena prima del forno, spennellate ancora con grande delicatezza, e cospargete di semi di papavero.

Cuocete in forno già caldo a 180° per 10 minuti, quindi abbassate il forno a 170°C per altri 15. Spegnete il forno e lasciatevi riposare l'impasto per altri 10. Servite tiepida o ben freddata.
 

Consigli:  

Tre sono i trucchi perchè riesca bene: non aggiungere farina, spennellare due volte, non cuocere troppo. Fidatevi dei miei dettagli, riuscirà splendida al primo colpo.

La lievitazione totale, se state cercando di calcolare i tempi e vi siete persi, è di 2 ore e mezza. Non molto per un grande lievitato come questo.

Durante le feste più importanti, alcuni aggiungono uvetta all'impasto. Questo lo rende dolce, e quindi inadatto ai piatti salati. Io questa sera l'ho mangiata con lo spezzatino, e vi dico che è un peccato precludere l'abbinamento con il salato. Rende benissimo. Altra modifica possibile è quella di usare semi di sesamo invece di quelli di papavero.

Se volete, potete surgelare l'impasto. Fatelo una volta intrecciato, senza spennellare con l'uovo. Quando poi dovrete cuocerla, lasciatela riposare 4-5 ore a temperatura ambiente prima di infornare.    

Se credete di non avere una buona mano per i lievitati, sappiate che è più semplice di quel che credete con la giusta ricetta ed un pizzico di concentrazione. Se avete qualsiasi dubbio, chiedetemi nei commenti e vi risponderò con piacere. La ricetta è lunga e dettagliata proprio per aiutare, come sempre, i "meno esperti", ma è più semplice di quel che pensate.

39 commenti:

  1. Fa venira l'acquolina solo a vederla! Per una patita del pane come me, è il massimo; quindi credo proprio che la proverò, eheh ;)!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' assolutamente deliziosa, confermo!

      Elimina
  2. Mi piace molto questo pane così pieno di tradizione... Una scelta meravigliosa!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara, sotto le Feste è bello riscoprire le tradizioni, anche altrui!

      Elimina
  3. Hai ragione, rispettare altre culture è importante, ma anche mantenere quella propria lo è lo stesso...

    Il pane sembra delizioso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come non concordare! Purtroppo c'è chi pensa che per mantenere la propria cultura sia necessario tenersi alla larga dalle altre...

      Elimina
  4. ma che meraviglia questo pane e dev'essere pure buono!!!!

    RispondiElimina
  5. Davvero buono questo pane, che conosco e amo molto. Sei stata bravissima! Buon Natale e a presto :)

    RispondiElimina
  6. Concordo con te in ciò che riguarda il modo prepotente di certe nazioni che fanno loro le leggi la dove non dovrebbero. Ognuno è libero di attenersi alla sua religione senza invadere oltre i confini degli altri. Questo pane mi porta nella infanzia, sembra quello che lo faceva mia mamma, così lucido e con semi di papavero, anche se non era ebrea. Molto bello e buono !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona settimana cara, che poi le tradizioni si assomigliano più di quanto può sembrare... vedisi il pane di tua mamma! :)

      Elimina
  7. Sono d'accordo con ciò che scrivi a proposito del Natale e della necessità di mantenere le proprie radici, senza però chiudersi agli altri.
    In quanto a questo pane, mi vien voglia di mangiarlo solo a vederlo !!! Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono andata avanti a rubarne pezzetti finchè non è finito.. Lo mettevo via, e subito aprivo il sacchetto per prenderne un boccone!

      Elimina
  8. Complimenti Monica, un bellissimo pane, bravissima!!!

    RispondiElimina
  9. Ma sei bravissima!!!
    E' talmente soffice questa treccia... deliziosa!!!!
    Kisses, Paola.

    Expressyourself

    My Facebook

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si veramente molto molto soffice, la pasta lievita davvero velocemente e questo le conferisce caratteristiche uniche! Anche per questo bisogna evitare di aggiungere troppa farina, o si rovina tutto...

      Elimina
  10. Magnifico! Io poi sono una sostenitrice dei piatti della tradizione.
    Un bacio :)

    RispondiElimina
  11. Condivido ogni tua singola parola... troppe cose si stanno perdendo... :-(.. Bell'idea proporre questo pane.. che personalmente non conoscevo.. smackkk

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' stata una splendida scoperta anche per me!

      Elimina
  12. Ha un bellissimo aspetto - mi sembra quasi di sentirne l'odore. Un saluto grande. Buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il profumo è un misto tra una brioche appena sfornata e del normale pane..

      Elimina
  13. Bello e molto invitante questo pane ebraico, complimenti ti è venuto benissimo! Buona serata, ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara, effettivamente mentre lo guardavo cuocere ero molto soddisfatta!

      Elimina
  14. E' bellissimo e invitante questo pane, grazie per aver condiviso la sua origine, un abbraccio, Gabry

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per il tuo bel commento!

      Elimina
  15. parole sante le tue mia cara!!Condivido in pieno tutto ciò che hai detto!!!!E poi questo pane....ne vogliamo parlare?!semplicemente meraviglioso!!!!
    Brava!!

    RispondiElimina
  16. Hai davvero ragione, i discorsi che si sentono ultimamente sono davvero assurdi e politicamente manipolati! >.<
    Comunque questa ricetta sembra davvero squisita e mi piacerebbe tanto rifarla!
    Un bacione :*
    www.milleunrossetto.blogspot.it

    RispondiElimina
  17. Non sono un granché in cucina .....ma le tue ricette e i tuoi consigli hanno fatto contenta la mia famiglia:)

    RispondiElimina
  18. Deve essere delizioso, magari ci proverò anche se in cucina non sono molto brava...
    Grazie e
    tanti
    auguri di
    Buon Natale
    sabrina

    RispondiElimina
  19. Condivido ogni parola, hai perfettamente ragione!!!
    e questo pane è una meraviglia!!!
    Ma che buono......
    Ti mando un grande abbraccio e ti faccio tantissimi auguri di buone feste...

    RispondiElimina
  20. Concordo con te: bisogna sempre imparare e tenere la mente aperta, soprattutto in questo periodo!
    Il pane che ci proponi non lo conoscevo, ma è veramente molto bello e sicuramente molto buono!
    Grazie per questa tua condivisione e buona giornata,
    Lory
    Bazzicando in Cucina

    RispondiElimina
  21. Tantissimi auguri di un buon Natale e un felice anno 2016...

    RispondiElimina
  22. Ti auguro un Buon Natale carissima a te e la tua famiglia

    RispondiElimina
  23. Tantissimi auguri anche se in ritardo. Buon anno Monica!
    Un abbraccio.
    Marina

    RispondiElimina
  24. Ciao cara :) molto carino il tuo blog! Soprattutto per il fatto di tenere in considerazione le altrui tradizioni! Condivido in pieno il tuo pensiero <3

    aishettina.blogspot.it

    RispondiElimina

Lasciatemi una traccia del vostro passaggio sotto la ricetta!
Spam, truffe o insulti saranno eliminati, per la tranquillità di tutti. Grazie.

Condividi su:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...